Archivi categoria: FAQ

Come creare gratis un QR Code per la tua brochure

Cos’è il QR Code? A cosa serve?

QR Code

Il codice QR, o Quick read, è un codice a barre bidimensionale di forma quadrata.Può contenere fino a sono a  7.089 caratteri numerici o 4.296 alfanumerici!Il creatore Denso Wave ha reso pubblico l’uso della tecnologia QR.

Può contenere ad esempio un indirizzo internet o del testo, un numero di telefono o sms: lo si vede di frequente in brochure, cataloghi, riviste…

I codici QR sono leggibili da qualsiasi telefono cellulare e smartphone munito di un apposito programma di lettura  (QR Reader): per leggere un codice QR è sufficiente inquadrarlo con la fotocamera del cellulare dopo aver aperto il lettore: se il QR Code contiene un indirizzo internet si aprirà automaticamente tale pagina sullo smartphone

Come si genera? Quanto costa?

Essondo la licenza “libera” esistono molti generatori gratuiti online, questo a nostro parere è molto valido perché permette di personalizzare le dimensioni dell’immagine creata fino ad un massimo di 1000px x 1000px, quindi adatto anche per la stampa: http://goqr.me/

Come creare gli URL brevi

Google Url ShortenerGli URL brevi sono molto comodi soprattutto per l’utilizzo nei social network tipo facebook ma sopratutto twitter, dove in ogni tweet si hanno a disposizione solo pochi caratteri.

E’ molto semplice creare degli url brevi che rimandano al tuo vero URL iniziale: esistono vari servizi gratuiti tra cui non poteva mancare quello dell’onnipotente Google: http://goo.gl/

Un URL come questo http://www.farepubblicita.com/trucchi-e-segreti/le-tue-mail-non-giungono-a-destinazione-ecco-i-consigli-di-google si trasforma in pochi secondi in questo http://goo.gl/Mv203

Buon lavoro a tutti!

Come si fa un comunicato stampa?

I Comunicati Stampa si “fanno” in diversi passaggi, ugualmente importanti:

  1. Trovare / Creare una notizia da diffondere
    Le grandi aziende forse non hanno bisogno di inventarsi le notizie perché hanno realmente delle comunicazioni da fare ai loro clienti o agli utenti in genere.
    Le piccole aziende hanno più difficoltà con le notizie quindi ecco qualche idea che ti farà capire come anche Tu puoi avere diverse comunicazioni da diffondere Continua a leggere

A cosa servono i Comunicati Stampa?

Abbiamo visto che il comunicato stampa è una notizia. Quindi il comunicato stampa serve per dare comunicazione di un evento, un prodotto, un fatto aziendale…

Chi scrive e diffonde un comunicato stampa ha l’esigenza di comunicare esternamente questa notizia, ha bisogno che venga diffusa, che il maggior numero di persone ne siano a conoscenza.

Il comunicato stampa potresse servire per mettere al corrente gli utenti di una azienda di un fatto che li coinvolgono direttamente.

Sempre più spesso però aziende anche piccole, con notizie anch’esse “piccole”, hanno iniziato a diffonderle massicciamente con i comunicati stampa. Il motivo di questa smania di informazione è duplice Continua a leggere

Come apparire in Google News?

Se gestisci un blog, personale o aziendale, sicuramente ti interesserà la possibilità di far “passare” le tue notizie anche per il circuito di Google News.

Puoi immaginare come la visibilità della tua pagina potrebbe impennarsi!

Google legge le notizie da un elenco di partner selezionati (Google non “crea” notizie ma le indicizza)

Diventare un partner selezionato non è difficile ma non è neppure immediato: ecco comunque tutte le informazioni necessarie per fare richiesta direttamente a Google: http://www.google.com/support/news_pub/?hl=it

Il trucco quindi è di conoscere uno o più partner qualificati ed inserire la tua notizia in quel sito.

Come fare a conoscere quali sono questi siti partner?

Non è un mistero: quando effettuate una normale ricerca e tra i risultati notate che viene inserita una news viene sempre citata anche la fonte-

Ecco un elenco di esempio di alcuni siti partner:

  1. http://www.repubblica.it
  2. http://www.ilsole24ore.com/
  3. http://punto-informatico.it

🙂 Lo sò, ti starai chiedendo: “E come cavolo faccio a far pubblicare le mie notizie sul Sole 24 ore???” 🙂

mmmm, non lo sò!

Però ti svelo un sito dove non avrai problemi a far pubblicare le tue notizie: http://www.a-zeta.it/

Ti assicuro che ce ne sono tantissimi, ora hai capito come “scovarli”…

Aggiornare un Sito senza Perdere l’Indicizzazione sui Motori di Ricerca

Siamo parlando di una operazione alquanto delicata, che spesso viene non solo sottovalutata ma proprio ignorata.

Questo perché chi crea siti spesso non si intende di posizionamento sui motori di ricerca…
Cari designer, non offendetevi: si tratta di 2 lavori differenti fare siti e “fare SEO”!

Torniamo a noi con un esempio pratico: abbiamo un sito composto da “enne” pagine presente da diverso tempo. Si presume che tutte le pagine siano indicizzate sui motori di ricerca.

Per vedere le pagine indicizzate potete andare in www.google.it (vedremo le pagine indicizzate da questo motore) e scrivere questo comando nella casella di ricerca:

 

Comando per vedere le pagine indicizzate di un sito

Come risultato apparirà l’elenco delle pagine indicizzate del tuo sito.

Se desideri aggiornare l’ideale sarebbe non modificare il nome delle pagine già esistenti (e la posizione se nel sito ci sono sottodirectory): per nome della pagine intendo il link che appare nella barra degli indirizzi del tuo browser:

Url - NomePagina

Se devo solamente aggiornare la pagina “segreti” nel contenuto, ma il suo URL non cambia, allora non ci sono problemi e non c’è assolutamente niente da fare dal lato SEO.

Se però per qualche motivo la pagina viene spostata o cambia nome bisogna dirglielo ai motori!

Perche?

Ecco cosa succede nella pratica:

  1. Oggi aggiorno il sito e sposto la pagina
  2. La pagina è ancora indicizzata in Google: se qualche ricerca segreti in Google vede la pagina e clicca per entrare, ma la pagina non esiste e quindi perderò il visitatore (= potenziale cliente perso?)
  3. Google domani visita il mio sito per vedere se trova novità: vede che la pagina non c’è più, vede anche che ci sono delle pagine nuove: per le nuove pagine avvia il processo di indirizzazione, ma potrebbero volerci dei giorni per far comparire le nuove pagine. Anche le vecchie (che non esistono più) non vengono rimosse immediatamente, perchè Google considera che potrebbe essere un errore temporaneo.
  4. Nei giorni successivi le nuove pagine non vengono visualizzate, continua ad essere visualizzata la vecchia per un pò, poi anche quella viene eliminata da Google e scompare!
  5. Le nuove pagine hanno bisogno di moooolto tempo per recuperare tutta l’ importanza e le posizioni nei motori di ricerca: sono pagine nuove…
  6. Ancor più grave è che tutti i link che puntavano alla vecchia pagina (non solo quelli interni del tuo sito ma soprattutto quelli che hai ricevuto da blog, forum, directory…) sono persi! Appena qualcuno si accorge che i link non sono funzionanti probabilmente li rimuoverà…

Quindi!

Bisogna dire ai Motori di Ricerca che la mia pagina “segreti” è stata spostata dalla directory “tag” alla directory “categorie”?

E come si fa???

Per dire ai motori che la pagina è stata spostata in modo permanente bisogna usare il comando REDIRECT 301: questo comando va implementato diversamente a seconda che il tuo sito sia ospitato su Windows o Linux…

Qui trovate molte informazioni utili su come fare tecnicamente per dire ai motori che avete spostato la pagina (o l’intero sito): Soluzione

Utilizzando il comando sopracitato i Motori di Ricerca capiscono che la pagina è stata spostata e immediatamente (dipende da sito a sito) sostituiscono la vecchia pagina con la nuova pagina, senza perdere posizioni o Pagerank.

Mi raccomando, quando si pubblica il nuovo sito bisogna contemporaneamente avere già implementato questa procedura: non pubblicare mai il nuovo sito e aspettare giorni per “dare istruzioni” ai motori sullo spostamento delle pagine!

Meglio Adwords o Adsense?

E’ come chiedersi: Meglio andare al ristorante o lavorare al ristorante?

chef

Adwords è il programma di Google che permette ad un inserzionista di pubblicare, a pagamento, annunci in varie forme:

  1. annunci di testo
  2. annunci illustrati

Adsense è il programma di Google che permette ai proprietari di un sito web di ospitare, guadagnando, degli annunci di inserzionisti Adwords.

Google deve il 97% del suo fatturato agli introiti di Adwords.

Alcuni utenti riescono a guadagnare ifre da capogiro (il record + di 901.733 $ al mese) grazie ad Adsense. Ecco la classifica dei più pagati

Assegno Adsense