Ora tutti vogliono mollare Aruba…

La cronaca di ieri la conosciamo, oggi sono arrivate anche le motivazioni ufficiali della più grande web farm italiana.

I milioni di utenti che ieri pomeriggio sono rimasti in ufficio a cuocere aspettando di poter inviare una mail o visitare un sito web sono imbufaliti per quello che è successo e per come è stata gestita la situazione da parte dell’azienda.

Aruba

E oggi sembrano tutti d’accordo di voler cambiare provider…

Non vogliamo commentare quello che è successo e come è stato gestito, vogliamo solamente fare una riflessione se cambiare anche noi provider a qualche centinaia di siti di nostri clienti o se restare con Aruba, cercando di farlo con razionalità.

Da molti anni lavoriamo con Aruba e siamo sempre stati abbastanza soddisfatti dei servizi offerti che acquistiamo da Aruba:

  • la gran maggioranza dei nostri clienti acquista un dominio per il sito istituzionale e le caselle di posta, e queste esigenze Aruba le soddisfa in maniera più che sufficiente
  • molti clienti che seguiamo che usano un CMS con database MySql si sono lamentati a volte della lentezza del loro blog, forum, e-commerce… e per alcuni dove effettivamente abbiamo riscontrato il problema abbiamo cambiato fornitore

Creo che sia giusto cambiare fornitore se ci sono delle condizioni che, anche prima del blackout, non ci soddisfano, non sono sufficienti… Farlo “solo” per il blackout forse è un pò precipitoso:

  • Aruba sta facendo dei lavori per migliorare e prevenire in futuro questi tipi di incidenti
  • Nonostante tutto, dopo il backout tutto è tornato alla normalità senza internventi sui siti e senza perdite di dati

Non sò con un altro provider come sarebbero andate le cose in caso di incendio!

Certo le proteste sono legittime, non vogliamo assolvere Aruba dalle sue (a nostro parere) responsabilità: i lavori che ora dicono di voler ultimare entro settembre potrebbero essere già stati fatti per evitare questi imprevisti…

Discover More Here

Condividi questa pagina:
  • Facebook
  • LinkedIn
  • oknotizie
  • StumbleUpon
  • Twitter

2 pensieri su “Ora tutti vogliono mollare Aruba…”

  1. Senza ricordare che in data 31 aprile del 2011 il data center di Aruba è stato in fiamme. Sono stati una moltitudine i danni che ha causato a me, e la serie di clienti che ho in gestione.

  2. Hai ragione Matteo,
    i disagi sono stati grandi
    Noi non siamo “Fans” di Aruba ma almeno stiamo tranquilli soprattutto ora che abbiamo visto che anche in caso di incendio poi è stato tutto ripristinato automaticamente.
    Il problema è che è difficile trovarne un altro di affidabile: bisognerebbe prima che superasse la prova “incendio” e vedere come si comporta! Scherzo :)
    Tu cosa hai fatto, hai spostato tutto da Aruba?
    Ciao

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>