Le tue mail non giungono a destinazione? Ecco i consigli di Google…

A tutti succede di inviare 1 mail o 1 newsletter e poi venire a sapere che il destinatario o solo alcuni destinatari non l’hanno ricevuta.

Purtroppo è difficile anche sapere chi l’ha ricevuta e chi invece non l’ha ricevuta perché la mail non torna al mittente e l’invio non dà nessun errore!

Inviare Email No SpamTutto questo succede perché i server di posta e i client di posta utilizzano dei filtri antispam, diversi tra di loro, configurati in maniera più o meno permissiva.

Chi si occupa in maniera professionale di email marketing conosce bene gli errori da non commettere quando si invia 1 mail (o 1 newsletter) ma la maggior parte dei “comuni mortali” li ignora, anche se manda e riceve centinaia di mail ogni giorno.

Ecco alcune semplici regole di base da rispettare sempre:

  • evitare l’oggetto tutto in maiuscolo
  • compila sempre il campo oggetto
  • compila sempre il testo del messaggio, di solito maggiore e meglio è: se non avete molto testo da scrivere potete utilizzare dei trucchi come delle firme, delle frasi standard in calce…
  • evita parole come free o gratis, risparmia, guadagnare…
  • Non invare allegati troppo grandi, usare sempre i formati standard come zip e pdf
  • evitare di inserire molti destinatari in CCN
  • evitare troppi colori nei testi

E banale ricordarlo ma è indispensabile che il pc da cui si effettua l’invio sia controllato da un sistema di antivirus…

Per i tuoi invii importanti è consigliato inoltre:

  • fare un controllo che il tuo server SMTP non sia il qualche “block list” da qui: KLOTH.NET – Multi DNSBL-check se usi il server SMTP del tuo provider di hosting dovrebbero essere loro a controllare questa cosa ma non si sa mai…)
  • testare il fattore di spam del messaggio prima di inviarlo, ci sono diversi modi:
    • creati un account su Google, Libero, Virgilio, Yaho … e  prova ad inviare il messagio e controllare che il messaggio arrivi correttamente
    • controlla il messaggio su siti appositi come Spam Check
    • alcuni programmi per l’invio delle newsletter hanno incorporata l’utility per il controllo del fattore di spam del messaggio, ecco un esempio: CheckSpam di SendBlaster

E’ inoltre possibile seguire alcune linee guida che lo stesso GMail (i cui filtri antispam sono molto restrittivi) ci suggerisce nella sua guida: http://support.google.com/mail/bin/answer.py?hl=it&answer=81126

Condividi questa pagina:
  • Facebook
  • LinkedIn
  • oknotizie
  • StumbleUpon
  • Twitter

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>